Clicca per più prodotti.
Nessun prodotto trovato.
Cerca nel Blog
Lievitino o poolish Lievitino o poolish
Lievitino o poolish sono la stessa cosa. È un impasto a base di acqua e fa...
 29/12/2020  (20)    (1)    (0)
Come "pirlare" Come "pirlare"
Pirlare un impasto significa arrotondarlo facendolo girare su se stesso ...
 29/12/2020  (188)    (1)    (0)
Dadini rustici con affettati Dadini rustici con affettati
Questi dadini rustici con affettati sono molto versatili, sono anche un ...
 09/12/2020  (24)    (0)    (0)

Leggi tutti i commenti

Visti Recentemente
Nessun articolo
Savoiardi

Savoiardi

  Rosa  

 (189)    (0)    0

  Ricette

I Savoiardi, detti anche "Biscotti dei Savoia" è una ricetta inventata dal cuoco dei Savoia, proprio in  onore dei reali di Francia in visita a corte. Per il successo ottenuto presero il nome di Savoiardi. Leggenda o realtà? Come molte ricette di successo hanno una loro storia... Di sicuro il Savoiardo è un biscotto molto versatile, personalmente lo uso sia per dolci senza cottura, come il tiramisù o per una bellissima torta Charlotte, che per accompagnare un tè pomeridiano. Il Savoiardo si presenta friabile e spugnoso allo stesso tempo, l'originale è un pò morbido, non come quelli industriale, che troviamo in vendita nei negozi, hanno una misura che va dai 3-4 cm di larghezza ai 8-9 cm di lunghezza. Ci sono in commercio gli stampi al silicone per farli tutti uguali, ma personalmente mi piace farli a mano libera, sono più "veri"!

Ingredienti:

125 gr di albumi a temperatura ambiente

100 gr di zucchero semolato

80 gr di tuorli a temperatura ambiente

50 gr di farina 00

50 gr di fecola di patate

q.b.  zucchero semolato e zucchero a velo per spolverare i Savoiardi

Preparazione:

Iniziamo con l'accendere il forno a 170 gradi in modalità statica.

Mettiamo gli albumi nella planetaria o in una ciotola con 2 cucchiai di zucchero semolato, mentre montiamo inseriamo mano mano tutto lo zucchero rimanente fino ad ottenere una meringa lucida e soda.

A parte sbattiamo leggermente i tuorli e li uniamo alla meringa, poco alla volta. 

Setacciamo per due volte le farine e le inseriamo un cucchiaio alla volta, stando bene attente a non smontare la meringa e ad amalgamarla tutta.

Mettiamo il composto un una sac'  a poche senza beccuccio e tagliamo la punta con un foro da 3 cm.

Foderiamo due teglie 30x40 con la carta forno e facciamo tanti bastoncini spolverizzandoli abbondantemente con lo zucchero semolato e poi con quello a velo. Aspettiamo 5 minuti e poi ripetiamo.

Inforniamo per 15 minuti lasciando lo sportello leggermente socchiuso, io metto il manico di una paletta di legno così gli do il giusto spessore.

Considerate sempre la potenza del vostro forno, ci potrebbe volere di più oppure meno tempo, quando cominciano a dorare leggermente sono pronti.

Fateli asciugare lasciandoli qualche minuto con il forno spento e lo sportello più aperto di quando erano in cottura.

Toglieteli dalla teglia e conservateli in una scatola di latta ben chiusa.

Come dicevo all'inizio, i Savoiardi originali non si presentano particolarmente croccanti come quelli industriali, per ovvi motivi di conservazione, se a voi piacciono così allungate i tempi di cottura abbassando di qualche grado il forno ,oppure se avete un'essiccatore lasciateli per 15/20 minuti a 40/50 gradi.

 (189)    (0)    0

  • Savoiardi sardi
    Savoiardi sardi

    I savoiardi sardi, grazie alla loro sofficità e leggerezza sono perfetti da...

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento

Impostazioni

Condividi

Menu

Crea un account per utilizzare le liste dei desideri.

Accedi

Crea un account per salvare i tuoi articoli preferiti.

Accedi